top of page
  • Writer's pictureFabrizio Pressi

Consistency Is Everything

Oggi vorrei condividere con te alcune considerazioni personali che subito ti sembreranno non essere assolutamente pertinenti con ciò di cui ci occupiamo ma seguimi e vedrai che ci sarà un nesso.


In questi giorni sto riuscendo in un esercizio in palestra che un anno fa esatto mi sembrava impossibile: la verticale libera.


Non hai idea di come possa sentirmi, mesi dedicati ad esercizi propedeutici, a prove al muro, a paure (giustamente sensate) di cadere e rompermi la schiena. E poi, tutto d'un tratto ecco che la verticale riesco a mantenerla per qualche secondo, lontano da muri od ostacoli, insomma son solo due o tre secondi per ora, ma mi sento al settimo cielo per il risultato e so che non potrò che migliorare.


Cambio prospettiva e ti racconto anche questa, poi giuro arrivo a trarre conclusioni, magari solo mie (o forse no): a Natale mi son fatto un regalo, ho acquistato un violino, con l'intento di imparare a suonare.


Non mi son mai approcciato allo studio della musica (se non alle scuole medie, parliamo di trent'anni fa) e oggi ho deciso che sì, il violino è considerato uno strumento difficile (quale poi non lo sia è da scoprire) e tanti mi hanno chiesto chi me lo fa fare alla mia età ma mi diverte la cosa e quindi va bene così.


Trovo una scuola e la prossima settimana inizierò a studiare con un'insegnante.


Durante il colloquio iniziale, avuto con la titolare della scuola le chiedo ingenuamente: quanto tempo ci vorrà ad imparare? E lei mi risponde: mio marito insegna a suonare il pianoforte, che dire, dopo dieci anni di studio forse c'è ancora qualcosa da imparare.


Ecco due situazioni che sembrano non aver nessun nesso e tanto meno alcun tipo di connessione con ciò che facciamo eppure io trovo alcune possibili similitudini.


Quante volte quel mal di schiena, oppure i tuoi arti inferiori stanchi ed affaticati, ti hanno portato da noi? Sii sincero/a, quante volte ti sei chiesto/a: quanto tempo ci vorrà per stare bene?


Insomma: se il massaggio lo affronti così, vengo a farmi trattare quando ho male, pensi sinceramente che possa portare a dei risultati duraturi? Hai mai ottenuto un qualche risultato duraturo nel tempo facendo qualcosa (qualunque cosa) ogni tanto? Tipo: son bravo in matematica, ho studiato ogni tanto, a tempo perso. Son bravo nel mio lavoro ed il guadagno che ne ricavo mi soddisfa, ho imparato a farlo dedicando un'ora al mese di apprendimento.


Ora è più chiaro dove vorrei farti giungere con il pensiero?


Proviamo a spingere tutti i nostri clienti ad un mantenimento, non tanto per il fatto che ci garantiamo una sopravvivenza economica e sosteniamo la nostra attività (lecito eh, non dico che manchi quell'aspetto, sarei ipocrita) ma per il tuo bene.


La perseveranza è tutto! Ecco il vero segreto. Vuoi non avere più male alla schiena oppure non sentire il tuo corpo spossato e distrutto dopo giornate di lavoro intenso? Beh: la strada è davvero semplice ed alla tua portata. Qualche esercizio in più (a volte anche solo dieci minuti, ma tutti i giorni) e magari un massaggio al mese.


Apposta per questo abbiamo costruito dei servizi in abbonamento: ti obbligano ad essere costante (ma è per il tuo bene, oggi e nel futuro, una sorta di assicurazione del benessere) e presentano dei vantaggi economici non indifferenti (oltre che dei regali da urlo), rispetto a venire a fare un massaggio "a spot", quando hai male.


Perché non approfittarne?


Fai click sull'immagine per verificare l'abbonamento che fa per te!


Fabrizio



31 views0 comments

Recent Posts

See All

Commenti


bottom of page