top of page
  • Writer's pictureFabrizio Pressi

Elastici e sacchi del nostro corpo: la fascia ed il suo ruolo

Prova a fare un esercizio semplice: appoggia le dita del piede al muro, come per allungare la parte posteriore della gamba, ora gira la testa di lato: la senti quella tensione aumentare?

Strano eh? Aspetta, facciamo così: facendo la stessa cosa di prima, prova a respirare a fondo: la tensione aumenta vero?


Lo sai cos'è che provoca questa cosa? Lo sai com'è possibile che un semplice movimento del piede ed un, apparente movimento scollegato, tipo la rotazione del capo, unito alla respirazione aumenti così tanto la tensione che provi? La risposta è semplice e complessa allo stesso tempo: si chiama fascia.


La fascia è l'organo più esteso del nostro corpo (senza scherzi, è stato definito l'organo sensoriale più esteso del nostro corpo) e passateci il termine improprio: è una sacca, un sacchetto di tessuto connettivo (che quindi mette in comunicazione) ogni nostro altro organo, muscolo, vena...


Un sacchetto dalle mille funzioni, alcune, forse molte delle quali, ancora sconosciute. Di certo si sa che la fascia è fortemente innervata, che sostiene, che dà forma e che la forma comporta ed è strettamente collegata alla funzione di ogni altro organo.


Così succede che per giorni, mesi ed anni noi finiamo per svolgere una determinata azione, magari sottoposti a movimenti ripetuti al lavoro, oppure pensiamo cose che ci portano a reagire emotivamente al mondo esterno, e ci rifugiano in noi o sopportiamo i pesi mentali o ancora non digeriamo qualcuno o qualcosa. E la fascia, insieme alla postura, si modifica, si adegua alla nuova situazione, e con essa tutto ciò che è contenuto al suo interno (in pratica tutto il nostro corpo) e se è vero che la forma influenza la funzione, ecco che le funzioni corporee vengono modificate e così il nostro organismo ne risente.


Lavorare sulla postura, sulle contratture, sulla risposta emotiva vuol dire quindi indirettamente "lavorare sulla fascia" e se poi aggiungiamo un lavoro fasciale profondo, come spesso facciamo noi in studio Naga, ecco: allora siamo a cavallo ed otterremo nuovamente uno splendido stato di salute.


Così potrai tornare a respirare a pieni polmoni, a muovere il corpo in maniera fluida, potrai vivere le emozioni e non farti sopraffare da loro.


Il tutto con uno strumento così semplice e antico, così attuale e formidabile da lasciarti sbalordito: il massaggio.


Siamo portatori di quello strumento.


Oggi puoi accedere ad un'offerta: 3 decontratturanti zonali ed un massaggio posturale a soli 120 euro, anzichè 140. Fossi in te non me lo farei scappare.


Alla prossima.


Alessia e Fabrizio



27 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page